Search

NEWS

webinar Cisas COMUNICAZIONE IN AREE A RI…

13-11-2020 Hits:6621 Articoli Super User - avatar Super User

16-17 novembre 2020 La Conferenza presenta le esperienze del progetto CISAS assieme ad interessanti sviluppi nazionali e internazionali su comunicazione, governance e percezione del rischio.

Read more

COVID-19 e comorbidità, per non abbassar…

22-03-2020 Hits:9208 Articoli Super User - avatar Super User

di Alessandro Pingitore, Fabrizio Bianchi, Giorgio Iervasi

Read more

Comunicare e percepire il rischio nell'e…

22-03-2020 Hits:10013 Articoli Super User - avatar Super User

di Liliana Cori e Fabrizio Bianchi

Read more

Quarantena di massa yo-yo per un anno?

18-03-2020 Hits:10238 Articoli Super User - avatar Super User

di Luca Carra, Francesco Forastiere, Fabrizio Bianchi, Paolo Vineis, Rodolfo Saracci, Stefania Salmaso

Read more

L'insostenibile delicatezza dei modelli …

16-03-2020 Hits:10405 Articoli Super User - avatar Super User

di Fabrizio Bianchi.

Read more
More from this category

Pubblicato su E&P articolo sui dati del RTDC

Le cardiopatie congenite sono le anomalie più comuni alla nascita: costituiscono la principale causa di mortalità neonatale e una delle principali cause di mortalità e morbilità neonatale e infantile, rappresentando un’area critica di sanità pubblica in tutto il mondo. Lo studio ha un duplice obiettivo: stimare la prevalenza e la mortalità in Toscana di tutti i difetti cardiaci congeniti e dei difetti cardiaci congeniti non cromosomici, anche in base alla loro gravità, e di analizzarne il trend temporale nel periodo 1992-2009. La fonte dei dati è il Registro Toscano Difetti Congeniti (RTDC) che partecipa dal 1979 al sistema europeo di sorveglianza delle anomalie congenite EUROCAT. Durante il periodo in esame sono stati sorvegliati 488.830 nati (vivi e morti). Sono stati inclusi nello studio tutti i casi diagnosticati entro il primo anno di vita e le interruzioni volontarie di gravidanza, a seguito di diagnosi prenatale di anomalie fetali. I risultati evidenziano una diminuzione significativa della prevalenza totale dei difetti cardiaci congeniti, mentre la prevalenza totale dei difetti più severi è rimasta stabile nel tempo. Inoltre, nelle cardiopatie più gravi, è stato osservato un significativo incremento dei casi di diagnosi prenatale, degli aborti indotti e una riduzione statisticamente significativa dei tassi di mortalità. Le conclusioni presentate sono coerenti sia con quanto riportato nello studio europeo di Helen Dolk et al., pubblicato nel 2011, sia con i risultati presentati in uno studio internazionale (Hoffman JI, Kaplan S. 2002) e in due studi italiani (Bosi G et al. 2003; Calzolari E et al. 2003). I risultati dello studio possono essere utili per pianificare e programmare l’attività dei servizi sanitari, impostare azioni preventive specifiche, costruire un quadro di riferimento e di confronto con altri studi epidemiologici, e per monitorare l’andamento nel tempo e nello spazio dei tassi di prevalenza e di mortalità dei nati con cardiopatie congenite.

Calendario Eventi

Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by L.THEME