Search

NEWS

Piombo, perché non abbassare la guardia

27-11-2019 Hits:63 Articoli Super User - avatar Super User

Il piombo è un contaminante ambientale che si trova sia in natura sia come risultato di attività umane quali l’estrazione mineraria. Dagli anni ‘70 in Europa sono state adottate misure...

Read more

Studio su popolazione esposta a inquinam…

07-11-2019 Hits:413 Articoli Super User - avatar Super User

Al via una nuova ricerca dell’Istituto di fisiologia clinica del Cnr, dopo la pubblicazione sulla rivista “International journal of environmental research and public health” dei primi risultati sulla salute dei...

Read more

Comunicazione e coinvolgimento delle com…

06-11-2019 Hits:370 Articoli Super User - avatar Super User

L’articolo "Communication and Community Involvement to Support Risk Governance", pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Health illustra le attività di comunicazione del Progetto CISAS e i temi chiave...

Read more
More from this category

Malformazioni a Taranto: approfondire, non sottovalutare, prevenire.

5 giugno 2019

In un periodo lungo 14 anni, dal 2002 al 2015, sono stati osservati 600 nati con malformazioni congenite su 25.853 nati da donne residenti nei Comuni di Taranto e Statte.

Questi casi, che sono stati rilevati mediante una analisi specifica delle Schede di Dimissione Ospedaliera (SDO), effettuata in ambito Sentieri, sono risultati il 9% in più rispetto agli attesi sulla base del tasso regionale, in parole più semplici 50 casi in eccesso, quindi una media di 3-4 casi in più ogni anno.

Il limite principale di questa statistica è che attraverso le SDO non si registrano casi al momento della interruzione di gravidanza a seguito di diagnosi prenatale, che per certi tipi di malformazioni sono rilevanti.

Gli eccessi statisticamente significativi (definibili quindi non casuali) sono emersi per le anomalie del sistema nervoso e degli arti, e ai limiti della significatività statistica per le anomalie del sistema urinario. Questi risultati a Taranto aggiungono preoccupazione a quella già alta che c’è da anni.

“Per avere una stima ancora più accurata occorrono dati rilevati e registrati nei punti nascita locali e regionali. La Regione Puglia ha istituito un registro che quindi può dare il suo contributo e al proposito abbiamo in programma un aggiornamento dei dati fino al 2018.” Ha dichiarato Fabrizio Bianchi, dirigente dell’Unità epidemiologia ambientale di IFC-CNR “Un ulteriore passo per saperne di più è l’approfondimento sul tipo specifico di anomalie e sulla loro distribuzione geografica, ad esempio per quartiere di residenza o per sezione di censimento, di particolare utilità per valutare l’impatto riferibile a fonti specifiche di inquinamento. Ma il problema dei problemi, oggi più che mai, è di prevenire in modo da non contare gli eccessi.”

fabrizio.bianchi[@]ifc.cnr.it

Calendario Eventi

Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by L.THEME