Search

NEWS

COVID-19 e comorbidità, per non abbassar…

22-03-2020 Hits:730 Articoli Super User - avatar Super User

di Alessandro Pingitore, Fabrizio Bianchi, Giorgio Iervasi

Read more

Comunicare e percepire il rischio nell'e…

22-03-2020 Hits:854 Articoli Super User - avatar Super User

di Liliana Cori e Fabrizio Bianchi

Read more

Quarantena di massa yo-yo per un anno?

18-03-2020 Hits:699 Articoli Super User - avatar Super User

di Luca Carra, Francesco Forastiere, Fabrizio Bianchi, Paolo Vineis, Rodolfo Saracci, Stefania Salmaso

Read more

L'insostenibile delicatezza dei modelli …

16-03-2020 Hits:782 Articoli Super User - avatar Super User

di Fabrizio Bianchi.

Read more

Coronavirus: aiutiamo a far circolare la…

16-03-2020 Hits:717 Articoli Super User - avatar Super User

di Liliana Cori

Read more
More from this category

Percezione del rischio in aree contaminate da arsenico

“Percezione del rischio e accesso all’informazione ambientale in quattro aree italiane contaminate da arsenico di origine naturale o antropica” presenta i risultati della sezione del questionario somministrato durante lo studio SEpiAs dedicata a percezione del rischio e acceso alle fonti informative.

SEpiAs ha indagato la presenza di marcatori di esposizione all’arsenico, con una indagine di biomonitoraggio umano (HBM), e di marcatori di effetto precoce, con esami cardiologici mirati. Lo studio è stato effettuato in due aree caratterizzate da contaminazione da arsenico di origine prevalentemente naturale (Amiata e Viterbese) e in due aree caratterizzate da contaminazione da arsenico di origine antropica (Taranto e Gela).

L’esame delle risposte ai questionari permette di caratterizzare le quattro aree in termini di percezione del rischio (RP), di accesso e fiducia nelle informazioni ambientali, e si possono fare ipotesi sull’influenza della percezione del rischio sul consumo alimentare.

I dati ricavati dai 282 questionari sono stati analizzati con una combinazione di random forest e regressione logistica.

I risultati hanno mostrato che esiste una sembrano essere più consapevoli dei rischi ed hanno maggiore fiducia nelle organizzazioni non governative (ONG ambientali) che nelle autorità pubbliche, mentre reputano insufficiente l’attuale la circolazione di informazioni.

I risultati ottenuti, che vedono una percezione dei rischio più alta nelle aree industriali, possono essere utili per impostare piani di comunicazione del rischio mirati alla prevenzione e bonifica ambientale. Si può inoltre iniziare a indagare sui legami tra informazione, percezione ed esposizione ad inquinanti, impostando un lavoro di più lungo periodo.

Coi et al – Risk perception in SEpiAs areas

Calendario Eventi

Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by L.THEME