NEWS

World Health Organization, Sesta confere…

13-06-2017 Hits:19 Articoli Super User - avatar Super User

Ostrava, Repubblica Ceca 13-15 giugno 2017. 

Read more

I cambiamenti climatici, la più grave mi…

05-06-2017 Hits:24 Articoli Super User - avatar Super User

Manolis Kogevinas, Presidente dell’ISEE e Beate Ritz, Presidente Eletta dell’ISEE scrivono a nome del Consiglio dell’ISEE, la Società Internazionale di Epidemiologia Ambientale.

Read more

25° anniversario del LIFE: 2° Meeting Te…

08-05-2017 Hits:114 Articoli Super User - avatar Super User

Il 2° Meeting Tematico Nazionale del Network LIFE KTE EnvHealth si svolge in occasione del 25° anniversario del programma LIFE, finanziato dalla DG Ambiente della UE.

Read more

Scienza vs inquinamento. In lotta per di…

03-05-2017 Hits:75 Articoli Super User - avatar Super User

La correlazione tra inquinamento (dell’aria, del suolo e dell’acqua) e la salute dell’uomo è ormai scientificamente provata. Ma da chi viene studiata questa relazione? E quali tipo di conseguenze i diversi...

Read more
More from this category

Percezione del rischio in aree contaminate da arsenico

“Percezione del rischio e accesso all’informazione ambientale in quattro aree italiane contaminate da arsenico di origine naturale o antropica” presenta i risultati della sezione del questionario somministrato durante lo studio SEpiAs dedicata a percezione del rischio e acceso alle fonti informative.

SEpiAs ha indagato la presenza di marcatori di esposizione all’arsenico, con una indagine di biomonitoraggio umano (HBM), e di marcatori di effetto precoce, con esami cardiologici mirati. Lo studio è stato effettuato in due aree caratterizzate da contaminazione da arsenico di origine prevalentemente naturale (Amiata e Viterbese) e in due aree caratterizzate da contaminazione da arsenico di origine antropica (Taranto e Gela).

L’esame delle risposte ai questionari permette di caratterizzare le quattro aree in termini di percezione del rischio (RP), di accesso e fiducia nelle informazioni ambientali, e si possono fare ipotesi sull’influenza della percezione del rischio sul consumo alimentare.

I dati ricavati dai 282 questionari sono stati analizzati con una combinazione di random forest e regressione logistica.

I risultati hanno mostrato che esiste una sembrano essere più consapevoli dei rischi ed hanno maggiore fiducia nelle organizzazioni non governative (ONG ambientali) che nelle autorità pubbliche, mentre reputano insufficiente l’attuale la circolazione di informazioni.

I risultati ottenuti, che vedono una percezione dei rischio più alta nelle aree industriali, possono essere utili per impostare piani di comunicazione del rischio mirati alla prevenzione e bonifica ambientale. Si può inoltre iniziare a indagare sui legami tra informazione, percezione ed esposizione ad inquinanti, impostando un lavoro di più lungo periodo.

Coi et al – Risk perception in SEpiAs areas

Calendario Eventi

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by L.THEME