NEWS

ERA-ENVHEALTH NETWORK Newsflash, primo s…

22-08-2017 Hits:1 Articoli Super User - avatar Super User

In attesa del prossimo Annual General Assembly Meeting, che si terrà a Palermo il 20 Novembre, ospitato dal progetto CISAS, è stata pubblicata la prima edizione del Newsflash dell'anno 2017...

Read more

Equità, ambiente e salute vanno protetti…

15-06-2017 Hits:78 Articoli Super User - avatar Super User

di Liliana Cori

Read more

World Health Organization, Sesta confere…

13-06-2017 Hits:101 Articoli Super User - avatar Super User

Ostrava, Repubblica Ceca 13-15 giugno 2017. 

Read more

I cambiamenti climatici, la più grave mi…

05-06-2017 Hits:134 Articoli Super User - avatar Super User

Manolis Kogevinas, Presidente dell’ISEE e Beate Ritz, Presidente Eletta dell’ISEE scrivono a nome del Consiglio dell’ISEE, la Società Internazionale di Epidemiologia Ambientale.

Read more

Due riconoscimenti alle attività di IFC …

15-05-2017 Hits:355 Articoli Super User - avatar Super User

L’Ufficio Europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha invitato Fabrizio Bianchi e Nunzia Linzalone a partecipare al gruppo di lavoro ristretto per lo sviluppo di una piattaforma online per la Valutazione...

Read more
More from this category

World Health Organization, Sesta conferenza interministeriale su ambiente e salute

Liliana Cori, IFC-CNR.

Una salute migliore. Un ambiente più salubre. Scelte sostenibili. Queste le tre parole d’ordine della Conferenza che si apre oggi, 13 giugno.

I ministri dell’ambiente e della salute dei 53 paesi della Regione Europea della World Health Organisation si incontrano per fare il punto sugli obiettivi e le politiche, a 28 anni dalla prima conferenza di Francoforte (1989). La piattaforma intersettoriale delle conferenze negli anni è servita a mantenere l’attenzione su una tematica complessa e piena di implicazioni sociali ed economiche: nel tempo sono stati infatti coinvolti altri ministeri competenti, come quelli dei trasporti a Londra nel 1999. Dal 2004, a Budapest, l’attenzione si è puntata sulla salute dei bambini, come target prioritario per la vulnerabilità e come chiave per mettere al contro gli impegni per il futuro del pianeta. A Parma nel 2010 sono stati presi impegni che ora vanno verificati. L’attenzione a coinvolgere protagonisti diversi e coinvolgere il pubblico è cresciuta nel tempo.

Il quadro che si presenta oggi è sempre più interconnesso e globalizzato. Ciascuno degli obiettivi di questa Sesta conferenza interministeriale su ambiente e salute del WHO è infatti strettamente connesso a uno o più obiettivi della “Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile” delle Nazioni Unite (UNEP), in modo da armonizzarne obiettivi e strategie.

Ecco ciò che dichiarano gli organizzatori della Conferenza WHO di Ostrava in apertura.

La realtà da cui si parte è quella di quasi un milione e mezzo di morti all'anno nella regione europea del WHO, pari al 16% di tutte le morti, sono causati da rischi ambientali che potrebbero essere evitati o eliminati (regione che comprende Europa e stati ad est di essa, per un totale di 53). I principali determinanti ambientali di salute vanno affrontati e rimossi nel più breve tempo possibile: inquinamento atmosferico, servizi idrici e sanitari inadeguati, prodotti chimici pericolosi, rifiuti, siti contaminati e cambiamento climatico. Le sfide sono aggravate da: vincoli di bilancio degli Stati membri, disparità socioeconomiche e di genere, eventi climatici estremi, aumento delle malattie non trasmissibili, invecchiamento della popolazione e migrazioni senza precedenti nella regione europea. I complessi rapporti tra fattori ambientali, biologici, demografici, economici, sociali e altri fattori richiedono un miglioramento della resilienza delle comunità alle pressioni fisiche, naturali e sociali del XXI secolo. I partecipanti alla Sesta Conferenza ministeriale discuteranno nuove risposte a queste sfide multiple. Le risposte devono tener conto delle prove scientifiche che dimostrano come la salvaguardia dell'ambiente a livello globale sia essenziale per la sopravvivenza dell'umanità. Dovrebbero inoltre riconoscere la natura transfrontaliera delle sfide ambientali, la necessità di mirare le azioni non solo a livello nazionale, ma anche a livello locale e urbano; l’importanza cruciale di individuare le parti della popolazione i più vulnerabili; la necessità di una buona governance, che includa il coinvolgimento delle parti interessate e dei cittadini.

Focalizzandosi sulla creazione di ambienti di sostegno e di comunità resilienti - uno dei pilastri della politica europea dell'OMS per la salute e il benessere (Health 2020) - la Conferenza mira a posizionare il Processo Europeo per l'Ambiente e la Salute come piattaforma per l'attuazione degli obiettivi ambientali e sanitari della “Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile” nella Regione Europea.

La Conferenza è organizzata dall'Ufficio Regionale del WHO per l'Europa, in collaborazione con UNECE e UNEP ed è ospitata dal governo della Repubblica Ceca, dalla Regione Moravia-Slesia e dal Comune di Ostrava.

Calendario Eventi

Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by L.THEME