Search

NEWS

Piombo, perché non abbassare la guardia

27-11-2019 Hits:62 Articoli Super User - avatar Super User

Il piombo è un contaminante ambientale che si trova sia in natura sia come risultato di attività umane quali l’estrazione mineraria. Dagli anni ‘70 in Europa sono state adottate misure...

Read more

Studio su popolazione esposta a inquinam…

07-11-2019 Hits:413 Articoli Super User - avatar Super User

Al via una nuova ricerca dell’Istituto di fisiologia clinica del Cnr, dopo la pubblicazione sulla rivista “International journal of environmental research and public health” dei primi risultati sulla salute dei...

Read more

Comunicazione e coinvolgimento delle com…

06-11-2019 Hits:370 Articoli Super User - avatar Super User

L’articolo "Communication and Community Involvement to Support Risk Governance", pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Health illustra le attività di comunicazione del Progetto CISAS e i temi chiave...

Read more
More from this category

PFAS e alimenti, storia di una contaminazione

Le PFAS sono un problema sempre più impellente per i rivenditori di generi alimentari, le catene di ristoranti e fast food, le aziende di imballaggi alimentari e i fornitori di prodotti chimici. Ma qualcosa sta cambiando. La Danimarca ha appena annunciato il divieto di uso di queste sostanze e anche negli Stati Uniti, i giganti della grande distribuzione si muovono verso una nuova strada più attenta alla salute e all’ambiente.

Bianchi (IFC\CNR Pisa) a Radio Rai 1 su SIN di Massa

“Qui veniva prodotto l’erbicida FS1”, racconta Fabrizio Bianchi di IFC\CNR Pisa ai microfoni di Radio Rai1. 

Siamo tra i Comuni di Massa e Carrara, un tempo grande polo industriale, oggi questo territorio è uno dei 45 siti di interesse nazionale ad alto ed esteso danno ambientale.

Clicca QUA per ascoltare la trasmissione

Centrale a carbone di Vado Ligure: per il Cnr eccessi di mortalità nelle aree più esposte

Nell'area della centrale a carbone Tirreno Power a Vado Ligure – dismessa cinque anni fa – negli anni compresi tra il 2001 e il 2013, sono stati riscontrati eccessi di mortalità (+ 49%) nelle aree a maggiore esposizione a inquinamento atmosferico. È questo ciò che emerge da uno studio condotto da un gruppo di epidemiologi ambientali dell’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa che ha valutato la relazione tra esposizione ad inquinanti atmosferici e rischio di mortalità e ricovero in ospedale per cause tumorali e non tumorali. Il lavoro è stato pubblicato recentemente su Science of the Total Environment.

Calendario Eventi

Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by L.THEME